astepbystep02.gif (14731 bytes)

maya.jpg (3648 bytes)

 

Diego de Landa

 

dresda.jpg (15988 bytes)

Codice Dresda -Particolare-

Il francescano Diego de Landa, inviato nelle conquistate terre per sconfiggere l'idolatria, riusci' a sconfiggere anche il "sapere" riuscendo a negare agli studiosi dei nostri tempi scritti e tavole preziose.

Di certo , i Maya utilizzavano la scrittura su corteccia di alberi di fico per tramandare le loro conoscenze o narrare la propria storia già nel primo millennio dell'era cristiana anche se, ad eccezione di alcune aree del Bassopiano Settentrionale, non utilizzavano più l'antica scrittura geroglifica degli avi.
Il francescano, ordinando la distruzione di tutto ciò che potesse riguardare "l'idolatria" , provocando sconcerto allo stesso Vaticano, ha fatto si che non potesse giungere a noi neanche un documento dell'epoca classica. Solo quattro libri Maya ci sono stati tramandati, scritti in geroglifico solo all'inizio del secondo millennio dopo Cristo. Questi codici, costituiti da corteccia ripiegata, sono stati battezzati ad eccezione del "Codice Grolier" ( nome del suo primo editore) : "Codice Dresda" , "Codice di Madrid" e "Codice di Parigi" secondo il nome del luogo dove sono custoditi.

Il francescano, nel 1566, scrisse un gigantesco rapporto intitolato "Relacion del las Cosas de Yucatan" con il quale voleva "scusarsi" e difendersi dalla condanna di eccesso di zelo. Tale opera gli fruttò la promozione a Vescovo.
La Relazione delle cose dello Yucatan, costituisce ancora oggi la fonte principale di informazioni sulla vita e sul pensiero dei Maya dell'epoca della Conquista.
Tale scritto, contiene ampie descrizioni di molte cerimonie Maya, una dettagliata spiegazione del Calendario Maya, dell'astrologia e un fantomatico alfabeto in geroglifico.
La Relazione scomparve per più di un secolo riapparendo solo nel 1862 grazie all'opera dell'archeologo Brasseur de Bourbourg, dando nuovi impulsi alla decifrazione degli scritti Maya. Infatti, Pio Perez, studioso dello Yucatan che già aveva incominciato ad interpretare parti del calendario Maya, facendo combaciare i suoi vari tasselli di conoscenze con quelli riportati da Diego De Landa riguardanti il Calendario, poté decifrare una considerevole parte dei geroglifici Maya che sino ad allora avevano resistito ad ogni tipo di decodificazione.
madrid.jpg (12548 bytes)
Codice Madrid - Particolare

 

 

 

 

 

http://www.risparmiaconpoco.it/public/

Un portale dove troverai informzioni ed idee per poter risparmiare sulle risorse energetiche utilizzate a casa tua.

 

maya.jpg (3648 bytes)